GROTTE DI BILPA

Le grotte di Bilpa si trovano al confine tra il comune di Kostel e il comune di Kočevje. Sopra le grotte si erge il muro di Bilpa, che Valvasor chiamò il muro degli echi. In esso, la natura ha plasmato vari personaggi umani, animali e superstiziosi. Bilpa è costituita da quattro grotte, l’ultima delle quali è stata scoperta solo nel 1983. L’ingresso alle grotte è in una parete a circa 30 metri sopra la strada, è larga 8 metri e alta 6 metri. Immediatamente dietro l’ingresso delle grotte c’è una lunga sala, che è abbastanza ben conservata, e in essa sono presenti varie formazioni di stalattiti. In questo lavoro gli archeologi hanno rinvenuto diversi oggetti che dimostrano che questa zona era abitata in antico passato.

Alla parte est si notano tracce di forti correnti d’acqua, l’interno è di origine più giovane, in quanto vi sono molte parti in cui la grotta è splendidamente illuminata. All’interno, c’è un muro bianco come la neve, sopra il quale c’è un camino alto 60 metri e un sigma bianco, che “trabocca” sotto i piedi in piccole cascate. Sono visibili anche i resti di padelle un tempo funzionanti. All’interno, molti abitanti del mondo sotterraneo hanno trovato la loro casa, da una colonia di grandi pipistrelli, locuste delle caverne, farfalle e ragni alle zone umide delle caverne.

Sotto la parete alta 80 m si trova un lago profondo 6 m, dove nasce il fiume Rinža, che è il fiume principale di Kočevsko polje ed è una tipica dolina carsica. Sotto Kočevje, affonda nelle gole del letto del fiume e scorre sottoterra nella sorgente Bilpa distante 11,5 km.

La fucina Bilpa, chiamata anche fucina Verderber, dal nome dei suoi proprietari, si trova al confine delle antiche signorie di Kostel e Poljan. Fino ad oggi è stato conservato l’antico modo di produrre prodotti contraffatti, che anche i visitatori della fucina possono vedere. Questa è una fucina che opera dai tempi austro-ungarici. È l’unica ruota idraulica della valle del Kolpa. La fucina è viva ora. Proprietario signor Rudi ora ha gia’ ottant’anni e non può più fare più come prima quando lavorava regolarmente nella bottega del fabbro e continuava la tradizione dopo il padre. I prodotti in ferro battuto della fucina Verderber erano conosciuti in lungo e in largo. Hanno fatto asce, zappe e simili. Ultimamente, ha mostrato solo ai visitatori e ha mostrato loro il funzionamento della fucina. I prodotti sono fatti sotto un martello, i pazzi li chiamano fattorie. Batte il martello con una forza incredibile, sotto la quale un abile fabbro forma un ferro.

 LA LEGGENDA DEL DIAVOLO A BILPA

Bilpa è un villaggio lungo il Kolpa. Sopra il villaggio c’è una scogliera, e sotto la scogliera c’è un piede del diavolo nella roccia. La gente di Bela krajina dice che Matej, un sarto che un tempo aveva una capanna piena di bambini affamati, viveva a Bilpa. Quando la fame colpì più duramente, la sarta, abbracciata da tutte le difficoltà, giurò: “Accidenti alla fame e ai bambini!” Lo aveva appena pronunciato quando il diavolo in persona si e’ gia’ presentato. “Mi hai chiamato, eccomi!” ringhiò, strizzando gli occhi verdi verso il sarto stupito. “Tu chi sei? Il diavolo ti ha dato. .. « il sarto ora balbettava spaventato. “Se sei di Dio – aiuto! Ma se sei il diavolo, vattene da qui! Il raccolto non è stato valido, i miei figli hanno fame e non c’è nessuno che porti al lavoro la mia millanteria o il mio fazzoletto. Potrei facilmente tagliarli entrambi per lui, cucirei i suoi vestiti per una manciata di farina! ”“ Hmm,” mormorò il diavolo. “Stai davvero andando forte. Lo so, non puoi scacciare la fame da casa, né alla cieca né brutta. Ma se cuci brages e un fazzoletto per me, ti porterò così tanta farina che sarà sufficiente per tutti i bambini. ”“ Niente di più facile di così ”, disse la sarta. “Non so se è davvero così,” mormorò il diavolo. “Cucimi il vestito stretto in modo che io possa indossarlo finché vivrai in questa casa.” “Niente di più facile di così,” ripeté la sarta. “Quando la Kolpa cresce per la prima volta, vieni e prendi ciò che hai promesso.”

Quella notte si abbatté un acquazzone e il Kolpa inondò gli argini. Nel cuore della notte, il diavolo sussurrò nella casa del sarto. Aveva un grosso sacco di farina sulla gobba. Lo posò sul pavimento al centro della stanza e gemette: “Hai della farina qui. Sarà sufficiente per te e i tuoi figli per sette anni! ”Poi iniziò a costringere il sarto a dargli una vanteria e un fazzoletto. Ma Matej, non essere pigro, apre la menta, slega il sacco e vi versa la farina. Con un sacco vuoto in mano, si trova di fronte al diavolo e dice: “Oh, la merce è dannatamente forte! Cucirò le tue bretelle e i tuoi fazzoletti da questa borsa. Prima, ovviamente, i pantaloni. Basta entrare nella borsa. Calibro l’altezza, taglio il gradino e usciranno dal sacco, in modo che tu possa starci dentro come un vero diavolo! ”

Il diavolo era uno sciocco e saltò nel sacco. Il sarto, inteligente, gli tirò sulla testa il sacco del diavolo e se lo legò sulle corna. Ora aveva un diavolo vivente intrappolato in una bisaccia. Fece rapidamente cuocere il pane dalla farina per i bambini affamati, dopo portò il sacco con il diavolo e lo lo fece costruire nella cavità. Ma il diavolo è il diavolo! Ed ha il suo potere! Non appena la cavità fu murata, scivolò fuori dal sacco, andò a sbattere contro una roccia e la rotolò dappertutto. Anche oggi lì c’è un buco profondo. Afferrò una pietra gigante e la sbatté con forza infernale contro la casa del sarto. Tuttavia, poiché non ha colpito la casa e la pietra si è schiantata sul Kolpa, si è arrabbiato ed è saltato dalla scogliera a terra. Ma atterrò sul terreno roccioso con tale forza che andò a sbattere alle caviglie contro la roccia viva.

Il potere del diavolo era sparito, quindi non poteva muoversi da nessuna parte. Ha iniziato a gridare aiuto. Il sarto Matej è arrivato con i sou bambini.

Quando videro come e cosa, tornarono indietro per la crepe, e poi picchiarono il diavolo per schiacciarlo in capelli puzzolenti. Quindi il diavolo è andato nelle zecche che sono state lavate via dal Kolpa… Il nipote di Šivavec è ancora a Bilpa oggi. Ha creato una fucina presso il Kolpa e mostra ai curiosi un buco del diavolo su una scogliera e un piede del diavolo su una roccia.


Giugno 8, 2021  -  Sightseeing